Neurite ottica

La neurite ottica è l'infiammazione del nervo ottico. I sintomi sono di solito monolaterali, ma è possibile un coinvolgimento bilaterale, o l’interessamento dell’altro occhio in tempi successivi. Tale disturbo non deve essere confuso con le neuropatie ottiche da altre cause cioè da quelle condizioni in cui per motivi genetici, per deficit vitaminici, malattie metaboliche, cause tossiche o ischemiche si osserva una sofferenza del nervo ottico. 

Sintomatologia 

Il sintomo principale della neurite ottica è la perdita della vista che varia da un piccolo scotoma (macchia nera) centrale o paracentrale alla completa cecità. Spesso il disturbo è descritto come appannamento della vista o visione grigia, offuscata con difficoltà nel riconoscere i colori. La maggior parte dei pazienti ha dolore anche oculare che spesso si intensifica con il movimento degli occhi. Il deficit si sviluppa rapidamente, in qualche giorno.

Diagnosi 

Il primo passo è eseguire una valutazione clinica oculistica e neurologica per differenziare la neurite ottica (infiammatoria) dalle altre neuropatie ottiche (da causa cioè non infiammatoria).

Tali valutazione possono mettere in evidenza oltre una ridotta acuità visiva (ridotta capacità di leggere le lettere sullo schermo), deficit del campo visivo (la porzione dello spazio che siamo in grado di esplorare), disturbi della visione a colori. L'infiammazione è localizzata in genere in regione retrobulbare (cioè dietro l’occhio), senza provocare alterazioni visibili alla testa del nervo ottico all’esame del fondo oculare. Se l’infiammazione è anteriore la testa del nervo ottico può apparire rigonfia e possono essere presenti essudati ed emorragie in prossimità o in corrispondenza del disco ottico. I potenziali evocati del nervo ottico possono mettere in evidenza la presenza di una sofferenza del nervo ottico come aumento della latenza del potenziale e riduzione dell’ampiezza dello stesso. Una RM encefalica e delle orbite con gadolinio, è abitualmente effettuata per evidenziare un nervo ottico ingrandito, con assunzione di contrasto. La RM può anche aiutare nella diagnosi di sclerosi multipla e neuromielite ottica perché spesso la neurite ottica è il primo segno di una sclerosi multipla.

Trattamento 

I corticosteroidi sono il trattamento di elezione di questa condizione. Il trattamento con gli steroidi endovena (500-1000 mg ev, 1 volta/die) per 5 giorni seguito o meno dal trattamento steroideo orale (1 mg/kg/die) può accelerare il recupero della capacità visiva. Il trattamento con il solo steroide orale non migliora gli esiti sulla vista e può aumentare il tasso di recidive. Altri trattamenti dipendono dalla diagnosi eziologica, cioè dalla diagnosi della causa della neurite.

neurite ottica
.docx
Download DOCX • 15KB

9 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Spasticità